WORKSHOP DI TACTICAL URBANISM E AUTOCOSTRUZIONE

progetto “Quadraro, la Q di Roma”

Un’occasione per approfondire il tema dei cambiamenti climatici, attraverso l’interconnessione di esperienze e conoscenze diverse.

Dal 24 settembre al 31 ottobre 2020, verranno affrontati i temi della rigenerazione urbana e dell’innovazione sociale, della carbon neutrality e del risparmio energetico, dell’uso di sistemi intelligenti e materiali sperimentali, della rinaturalizzazione degli spazi urbani e della mobilità sostenibile, nell’ottica di trovare un equilibrio tra le esigenze umane contemporanee e la capacità del pianeta di sostenere nel tempo.

CHANGE non è solo confronto di idee e progetti, ma anche ricerca di soluzioni pratiche.

Due i workshop di autocostruzione all’interno del progetto “Quadraro: la Q di Roma” di Architettura Senza Frontiere Onlus Lazio (ASF Lazio) partner di Change. Architecture Cities Life, che si propone di avviare una riflessione sulla vita sociale e l’uso dell’ambiente collettivo nel quartiere di Roma.

Tema principale sarà la trasformazione degli spazi urbani, soprattutto aree residuali, attraverso una serie di microprogetti a basso costo e a breve termine.

La particolarità dei workshop è che sono aperti a chiunque abbia voglia di mettersi in gioco: studenti, architetti, ingegneri e cittadini.

Il Primo workshop dal 24 settembre al 30 settembre (7 giorni)
Attività: autocostruzione di arredo urbano e  pratiche di tactical urbanism.
Luogo: Piazza del Quadraretto, Via dei Levii, Piazza dei Tribuni, Roma (100 metri dalla Metro A Porta Furba)

Il Secondo workshop dal 2 al 4 ottobre (3 giorni)
Attività: allestimento sperimentale di uno spazio.
Luogo: Piazza del Quadraretto e Via dei Levii, Roma (450 metri dalla Metro A Numidio Quadrato).

Architettura Senza Frontiere Lazio

ISCRIZIONI: Mandare una mail con oggetto “workshop Change” a asf.lazio@gmail.com e con le seguenti informazioni:
Nome, Cognome
data di nascita e città
telefono
facoltà o professione
Indicazione del o dei workshop a cui si vuole partecipare

Parco “Salvador Allende”

La giunta procede nella direzione indicata dalla Commissione LL.PP. illuminando il parco.

2020082002A Tor Vergata, quasi a Vermicino ai piedi di Frascati. Un parco archeologico aperto attraversato dall’antica “Tuscolo-Fidene” e già oggetto di attenzione da parte del territorio e della nostra amministrazione. Girando in bici non è difficile imbattersi in tutti i nostri cantieri / opere completate e come Presidente della Commissione LL.PP. non perdo occasione per compiacermi del lavoro svolto dalla Giunta su nostro indirizzo.

Continua a leggere “Parco “Salvador Allende””

Manutenzione aree verdi municipali

Nel VII municipio abbiamo programmato gli interventi di manutenzione del verde. Abbiamo anche pensato di rendere pubblici questi interventi in modo che la cittadinanza possa averne contezza e controllare l’operato dell’amministrazione.

AreeVerdiLotti

Il territorio è stato suddiviso in due lotti principali per un totale di 61 aree verdi (assegnate al Municipio) nelle quali si opererà  7 VOLTE L’ANNO nelle, con possibilità di un ulteriore interventose necessario. Ricordiamo che le aree superiori ai 5.000 (dove in qualche caso siamo comunque intervenuti come VII Municipio) e la gestione delle potature verticali (alberature) è di competenza del Dipartimento Tutela Ambiente ed in particolare dell’ Ufficio Giardini dedicato al nostro Municipio.

Le lavorazioni di competenza possono riassumersi in: Piantumazione nuove alberature; sfalcio prati; potatura cespugli da fiore; potatura siepi; sistemazione superfici in ghiaia; forniture aiule e vasi fioriti.

Qui il link al Portale Istutuzionale di Roma Capitale – Municipio VII dove potrete scaricare il cronoprogramma.

Un grazie all’Assessore Salvatore Basile e agli Uffici del Municipio per il coordinamento che ha permesso quanto sopra.

 

 

 

 

 

 

 

Lavorare stanca…

… ed il silenzio è d’oro. E invece loro continuano con la loro fraseologia decotta, lisa, esausta come: “L’assordante silenzio”, “liberare Roma”,  “Sono imbarazzanti”, “Dureranno tre mesi” e così via come hanno fatto e non solo da 4 anni a questa parte.

E. Zitoli

Lavorare stanca… e “Metà della popolazione mondiale è composta da persone che hanno qualcosa da dire ma non possono; l’altra metà da persone che non hanno niente da dire e continuano a parlare.” (R. L. Frost).

Lavorare stanca… e chi lavora, dopo un po’ (4 anni) potrebbe anche legittimamente aver bisogno di una pausa o la necessità di occuparsi di situazioni personali. Invece no! Il motivo, secondo loro, è una maggioranza spaccata, una corsa alla poltrona, una incapacità di governo e chi più ne ha più ne metta. 

Lavorare stanca…e chi lavora lo sa. Lo sa lui e lo sanno i suoi compagni. Lo sa il gruppo che, in continuità, senza contraccolpi e senza recare alcun ritardo all’attività istituzionale, checchè chi non ha niente da dire invece dice, tutti i giorni prepara e tiene commissioni, ascolta il territorio e si interfaccia con gli uffici.

Lavorare stanca… ed è per questo che con il 90% del programma realizzato ogni tanto ci viene da sbuffare.

Il silenzio è d’oro e sui motivi delle dimissioni della nostra Presidente Zitoli non ci sonoSilenzio commenti da fare. Personalmente posso solo dire GRAZIE ELISA. Grazie perchè, da “incompetente che dopo tre mesi sarebbe dovuta andare a casa”, hai portato avanti il tuo lavoro di Presidente d’Aula senza riserve e sostenendo Consiglieri e Uffici.

Il silenzio è d’oro e lo è ancor di più quando non si hanno argomenti. Quando si guarda agli altri senza un minimo di autocritica e si dimentica la propria storia. Ho sempre odiato la parola “opposizione” preferendo quella di “minoranza” ad indicare i Consiglieri dell’altra parte politica. Opporsi da un’idea di ostacolo, di impedimento mentre ho sempre favorevolmente creduto in una minoranza critica, costruittiva e propositiva. In queste occasioni, dove preferirei pensare ad una eccezione che conferma la regola della mia teoria, mi accorgo che dopo il terzo caso non si può più parlare di eccezioni e la regola non può più essere confermata.

Grazie Elisa!

Aggiungo che il VII Municipio, guidato da una maggioranza M5S di “incompetenti che dovevano durare tre mesi”, andrà avanti fino alla fine del mandato per completare la realizzazione del programma presentato nel 2016.

C’è grossa crisi !!! Altro che “liberare la città”.

C.S.A. Villa Fiorelli

La villa dopo la riqualificazione.

La Commissione I LL.PP, Parcheggi, Alberature Stradali e Urbanistica del Municipio VII continua il suo lavoro. La realizzazione del Centro Sociale Anziani di Villa Fiorelli è uno degli obiettivi che ci siamo prefissati a completamento della già avvenuta riqualificazione della Villa. Lunedì 11/05/2020 nell’incontro con il Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana (S.I.M.U.) abbiamo fatto ulteriori passi avanti su un tema affrontato fin dai primi giorni di consiliatura. Ringrazio il Vice Presidente della Commissione Tosatti in qualità di Consigliere di zona per l’instancabile attività di interfaccia con territorio e uffici. A presto con nuovi aggiornamenti sul Centro Sociale Anziani e altre “piccole” cose che riguardano Villa Fiorelli.

75° Anniversario della Liberazione

arcobaleno25 Aprile 2020

Nella nostra democrazia la dialettica e il contrasto delle opinioni non hanno mai, nei decenni, incrinato l’esigenza di unità del popolo italiano, divenuta essa stessa prerogativa della nostra identità. E dunque avvertiamo la consapevolezza di un comune destino come una riserva etica, di straordinario valore civile e istituzionale. L’abbiamo vista manifestarsi, nel sentirsi responsabili verso la propria comunità, ogni volta che eventi dolorosi hanno messo alla prova la capacità e la volontà di ripresa dei nostri territori.

dal Messaggio del Presidente Sergio Mattarella nel 75° Anniversario della Liberazione.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Casale Agostinelli – sopralluogo.

I lavori di risistemazione e messa in sicurezza di Via Casale Agostinelli stanno proseguendo.

Dal programma elettorale del Movimento 5 Stelle nel Municipio VII : “le vie e le piazze andranno ridisegnate privilegiando il trasporto pubblico, i pedoni e i ciclisti. Si andrà in questa direzione attraverso l’introduzione di aree pedonali, zone 30 e un adeguato arredo urbano capillare”;

Dopo aver fresato l’asfalto si è proceduto con la stesura dello strato detto “binder” di unione tra la fondazione e quello che verrà applicato successivamente detto “tappetino di scorrimento o usura” (dettagli).

Continua a leggere “Casale Agostinelli – sopralluogo.”