Funeral party

… senza il morto !

Roma, 19 Novembre 2019, alcuni “ottimisti” organizzano il Funeral Party delle due talpe (Filippa e Shira) utilizzate per scavare i tunnel della Metro C. Parterre de Rois molto variegato. Presenti onorevoli consiglieri comunali, ovviamente di opposizione, e comitati vari tra i quali #ByeByeRaggi con lo striscione di rito.

La convinzione con la quale i convenuti giudicavano e sentenziavano l’operato della Sindaca e della sua maggioranza è riassumibile nei seguenti interventi:

Opera bloccata dall’incapacità di questa giunta. In tre anni e mezzo non hanno preso decisioni. Roma si troverà con un moncone di metropolitana. Affronteremo il giubileo con le stesse infrstrutture del 2000.  Io credo che sia il caso che tutta la città prenda atto di quello che sta succendendo e si mobiliti perchè Roma ha diritto ad avere inrastrutture degne di una capitale.

Incapacità della giunta di spendere soldi nelle opere pubbliche. I posteri troveranno, con uno scavo archeologico, quella talpa. Ad essere seppelita non è la talpa, è la città di Roma. La cosa grave dell’interramento non è solo perdita economica degli 8 milioni della talpa. Il tema vero è che la talpa si ferma perchè la giunta ha deiciso di non proseguire i lavori per creare le infrastrutture della metropolitana.

Quasi quasi verrebbe da credergli se non fosse che Filippa e Shira continueranno a lavorare in barba agli invitati al Funeral Party.

Continueranno a scavare le gallerie fino al corpo della futura “stazione Venezia”. Esattamente come programmato lo scorso luglio quando abbiamo presentato il progetto della stazione come Roma Capitale. E mentre qualcuno la descriveva come “un libro dei sogni”, noi in questi mesi abbiamo continuato a lavorare e collaborare con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Dialogo e collaborazione inter-istituzionale per il bene della città coronato dalla decisione del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) di approvare la modifica del perimetro della tratta T3 della linea C fino a piazza Venezia. Ecco, oggi voglio ribadirlo: l’infrastruttura di mobilità pubblica più importante di Roma va avanti. Sono già iniziati i carotaggi e da metà gennaio partiranno le indagini in piazza Venezia. Entro l’estate, grazie ai risultati di queste indagini, completeremo il progetto definitivo della stazione Venezia. Nel frattempo si continuerà a lavorare sulla tratta già aperta e nel 2021 inaugureremo il pozzo di via Sannio, con la nuova croce di scambio tra i binari che permetterà di migliorare e velocizzare il servizio.

MetroCAmbaAradam

Hanno ammazzato Pablo, Pablo è vivo…